nav-left cat-right
cat-right

Illusioni dolcissime, inquiete sensazioni

Illusioni dolcissime, inquiete sensazioni

Illusioni dolcissime, inquiete sensazioni

1998

Nella copertina di questo libro Urbana ha voluto una vecchia foto della sua casa natale, ora distrutta (la “casupola delle mie fiabe”). Il tema dei ricordi ritorna infatti anche in questa settima raccolta,  ma  traspaiono spesso, ora sottintese ora via via più esplicite, le note dolorose di una  vita sempre più difficile.
Il suo coraggio e la sua fede sono grandi ma ella, che ci apre il proprio cuore con la poesia, non può certo nasconderci la paura, il dolore e la sofferenza.
Presentazione di Adriana Carezzoli

180 pagine – 153 poesie


ILLUSIONI DOLCISSIME

Illusioni dolcissime esaltano
fondali azzurri di bianche conchiglie,
danzanti al ritmo perenne delle onde;
mentre ali di velluto accarezzano
il cuore intento a dipingersi, intorno
sereni accordi di celesti armonie.

E uscire dal reale. ove solo in sogno
si può felicemente amare, è pace
dei sensi, dimentichi di divieti
e di rinunce, è luce che illumina
anche la vita più scura, e la muta
in un soavissimo canto d’amore.

INQUIETE SENSAZIONI

Inquiete sensazioni
di incredibili vuoti,
si annidano nel buio
di silenziose angosce,
ignorando le stelle,
che sfavillano mute,
nella solitudine
della mente annoiata.

E il tempo, che scorrendo
graffia, indifferente,
ore di malinconia
e momenti incantati,
andandosene, coglie
pochi fiori di campo,
lungo la tortuosa via,
dal destino segnata.

A VOLTE

A volte basta solo il garrire
d’una rondine ad interrompere
i miei voli intenti ad inseguire
gli attimi fuggenti, che al passato
lasciano la pena dei ricordi;
ma il tempo continua il suo cammino
e i pensieri riprendono ad andar
con lui serbando, in grossi fardelli,
il coraggio d’asciugare il pianto
e di accendere nuove speranze.